DONNE DI MARE E DI LAGUNA AL LAVORO SULL'ACQUA
DONNE DI MARE E DI LAGUNA AL LAVORO NEI MAS
DONNE DI MARE E DI LAGUNA AL LAVORO NEI MERCATI
DONNE DI MARE PESCATRICI PER PASSIONE
DONNE AL LAVORO NELLE LORO CASE
DONNE E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI IMPARARE IL MESTIERE

I PUNTI FORTI DELLA RICERCA

1
Per comprendere quali sono gli spazi che le donne di alcune località della Francia e del Libano legate al mondo del mare e della pesca, seppur in maniera e con intensità diverse, occupano all’interno della società e del loro nucleo famigliare e quali ruoli e compiti sono chiamate a svolgere.
2
Per raccogliere testimonianze di vita vissuta, nella convinzione dell’importanza che le scelte lessicali e il linguaggio non verbale rivestono nel trasmettere le proprie esperienze.
3
In virtù dell’immediatezza dello strumento fotografico e perchè, dati gli argomenti della ricerca, l’immagine può rendere conto, da un lato, della bellezza dei luoghi e, dall’altro, della fisicità del mestiere.

DONNE PESCATRICI DEL MEDITERRANEO

Dalla Francia al Libano

Le immagini della galleria sono un corredo indispensabile alle mie parole, ma soprattutto a quelle delle vere protagoniste di questa ricerca, coloro che abbiamo definito donne del mare e di laguna: pescatrici esse stesse, mogli ma anche madri, figlie e nipoti di pescatori. Donne del Mediterraneo, occidentale e orientale, legate al mare, alle sue risorse e ai mestieri che da esse dipendono.

La galleria, che verrà progressivamente aggiornata, raccoglie le fotografie scattate nelle due regioni mediterranee prese in considerazione dalla ricerca, la regione dell’Occitania in Francia e il Libano, percorso da nord a sud.

LE PAROLE DELLE INTERVISTATE

I LUOGHI

  • 1

    L'Etang de Thau

    Francia

    La prima parte della ricerca si è svolta prevalentemente sulle sponde dell’Etang de Thau, il più esteso bacino idrico della regione francese dell’Occitania. Collegato al...

  • 2

    Sète

    Francia

    Definita dal poeta Paul Valéry, a cui diede i natali, “île singulière”, Sète è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo e dall’Etang de Thau,...

  • 3

    Marseillan

    Francia

    Cittadina sull’altra sponda dell’Etang de Thau, Marseillan sembrerebbe oggi per lo più conosciuta per le sue spiagge (Marseillan Plage) che attirano turisti da tutta la Francia...

  • 4

    Mèze Les Amoutous

    Francia

    Estendendosi quasi ininterrottamente da Marseillan fino a Bouzigues, le tavole per l’allevamento delle ostriche e delle cozze caratterizza anche il panorama di Mèze. ...

  • 5

    Bouzigues

    Francia

    Cittadina che dà nome alle celeberrime ostriche di Thau, Bouzigues è una piccola cittadina le cui strette e tortuose stradine si aprono sul porto, che accoglie battelli turistici, ...

  • 6

    Palavas les flots

    Francia

    Altro comune della regione dell’Occitania, Palavas-les-Flots è oggi un’importante stazione balneare che accoglie turisti in virtù delle sue spiagge e delle attività sportive proposte sulle banchine del porto. ...

  • 7

    L'Etang de Vaccarès

    Francia

    Situato sotto la giurisdizione di Saintes-Maries-de-la-Mer, è il più vasto stagno della Camargue. Si distingue dall’Etang de Thau per l’assenza di aperture sul mare, ...

  • 8

    Marsiglia

    Francia

    Uno dei simboli di Marsiglia è il suo porto vecchio. Un tempo centro commerciale della città, il Vieux Port ospita oggi barche di privati. ...

  • 9

    Tiro - Sour(in arabo)

    Libano

    Città di siti archeologici, di spiagge infinite, di chiese, cappelle, moschee e icone di santi, immagini e bandiere in onore di Husseyn, ...

  • 10

    Sidone – Saida (in arabo)

    Libano

    Saida – che in arabo moderno significa “pesca” – è una città che affascina, con la sua medina e il suo suq di pietre e legno rossastri, ...

  • 11

    Aabdeh e Bebnine

    Libano

    Aabdeh e Bebnine sono un villaggio e una città del nord del Libano, nel distretto dell’Akkar, fra Tripoli e il confine siriano. ...

Ultime News

Rifugiati profughi e pescatori
2Dic
Rifugiati, profughi e pescatori. I siriani e i palestinesi in Libano
In

“Qui a Bebnine puoi osservare tutto quanto”, mi dice, quasi con orgoglio, il mukhtar del porto di Aabdeh dopo il tragico evento…

Approfondisci
Le donne di Bebnine fra ONG e solidarietà
30Set
Le donne di Bebnine: fra ONG e solidarietà
In

Uno dei tassisti che mi accompagna nella zona chiamata Baladiya, dove ha sede il comune, afferma che a Bebnine “ma fi al-daul”…

Approfondisci
madre e bambina
29Set
Gli uomini al porto, le donne a tessere le reti: la complementarietà dei loro lavori
In

“Qui è normale, molti pescatori hanno a casa qualcuno che fa le reti. La moglie, le figlie... fin da piccole. È così…

Approfondisci
passato e futuro tripoli
19Set
La crisi della pesca in Libano. Il futuro incerto della professione, fra dinamiche sociali e famigliari in mutamento
In

Che si parli con uomini o con donne, legati più o meno direttamente al mondo del mare e della pesca, si avrà…

Approfondisci
Donne bambini e il mare di Sidone
3Set
Il porto di Sidone. Professioni inesistenti e professioni inventate
In

Indissociabile da Tiro, sua gemella e rivale, è Sidone – Saida, che in arabo moderno significa “pesca” –, storica e leggendaria città…

Approfondisci
porto di tiro
25Ago
Tiro, città di pesca e di fede
In

Introduzione Tiro, oggi principale città del Libano meridionale, deve il suo nome alla piccola isola rocciosa sulla quale era sorta. In effetti,…

Approfondisci